Agevolazioni per l'Industria 4.0

Questa é una pagina di approfondimento per i nostri Clienti Aziendali in Italia


Super ammortamento e iper ammortamento, novità in Legge di Bilancio 2020

 

Le due principali agevolazioni per l’Industria 4.0 cambiano forma e si trasformano in credito d’imposta.
Con l’approvazione ufficiale della Legge di Bilancio 2020 da parte del Senato, arrivano i primi dettagli definitivi sulle nuove agevolazioni per le imprese.
È indubbio che il super e l’iper ammortamento siano due degli strumenti principali, soprattutto per le imprese che intendono innovare i processi di produzione per il transito verso logiche digitalizzate.
È sotto la guida del MISE che è nato il nuovo Piano Industria 4.0. L’obiettivo della revisione dei due principali strumenti per incentivare gli investimenti (super e iper ammortamento) è quello di potenziare le agevolazioni, con un occhio di riguardo alle PMI.
Secondo i dati attuali, sono soprattutto le grandi imprese ad aver imboccato la via dell’Industria 4.0, mentre le realtà di dimensioni minori faticano a transitare alle nuove tecnologie produttive.
È da tale assunto che nasce il nuovo credito d’imposta per l’Industria 4.0, con un vero e proprio restyling di super ammortamento ed iper ammortamento dal 1° gennaio 2020.


Super e iper ammortamento 2020, nuovo credito d’imposta in Legge di Bilancio


I cardini del nuovo credito d’imposta che sostituirà super ed iper ammortamento dal 2020 sono contenuti nella presentazione sulla Transizione 4.0, pubblicata dal MISE dopo la prima approvazione della Legge di Bilancio.
Al posto delle due deduzioni sarà introdotto un doppio credito d’imposta.



Per i beni materiali connessi all’Industria 4.0, l’agevolazione verrebbe strutturata come segue:

Investimento Aliquota credito d’imposta Beneficio fiscale annuale (% su 5 anni)
Fino a 2,5 milioni di euro 40% 8%
Parte eccedente 2,5 mln e fino a 10 mln 20% Da 8% a 5%

 

La trasformazione in credito d’imposta riguarderebbe anche l’iper ammortamento sui beni immateriali (Allegato B della Legge di Bilancio 2017), secondo le seguenti regole:

  • aliquota credito d’imposta del 15%;
  • beneficio fiscale annuale del 5% su 3 anni.
L’attuale maggiorazione del 30% del costo di acquisizione di altri beni materiali, sarebbe sostituita da un credito d’imposta riconosciuto fino a 2 milioni di euro di investimento e:
  • credito d’imposta con aliquota pari al 6%;
  • con fruizione del beneficio annuale pari all’1,2% su 5 anni.
La modifica al meccanismo per il riconoscimento di super ammortamento ed iper ammortamento dal 1° gennaio 2020 produrrà, secondo il MISE, due vantaggi per le imprese:
  • estensione fino al 40% della platea dei beneficiari, con un credito d’imposta ad intensità crescente;
  • anticipazione del momento di fruizione del beneficio: credito d’imposta con uso in compensazione da gennaio dell’anno successivo all’investimento.

 

Quindi le misure per il 2020 permetteranno alle aziende di dotarsi di stampanti 3D, laser cutter, fresatrici CNC, scanner 3D, bracci robotici, software per la modellazione 3D.

Contattaci per un approfondimento!

-----------------------

FONTI
 
https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/Slide-transizione4-0.pdf
 
https://www.informazionefiscale.it/

Execution time (seconds): ~0.125391